Domanda:
Perché le persone usano hub USB alimentati?
c_breeez
2014-07-27 04:49:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho il Raspberry Pi B + e ha quattro porte USB.

Al momento sto alimentando un Arduino Mega, un piccolo lettore RFID e una tastiera. Ho intenzione di alimentare anche un dongle Wi-Fi e un Arduino Uno.

Funzionerà? Voglio dire, funziona. Ma mi chiedevo perché le persone usano hub USB alimentati. Ho sentito alcune persone dire che i dongle Wi-Fi a volte richiedono un hub USB alimentato per avere una buona portata.

In sostanza, quali sono i vantaggi di un hub USB alimentato? E dovrei averne uno per la mia situazione di utilizzo? / p>

Cinque risposte:
#1
+8
asheeshr
2014-07-27 10:30:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono alcuni fattori da considerare qui:

  • L'alimentazione in ingresso al tuo Pi è probabilmente tramite un adattatore a muro o un alimentatore. È necessario controllare la valutazione dell'adattatore / PSU. Se è compreso tra 1,5 A e 2 A, il problema è parzialmente risolto.
  • Il prossimo in gioco, è il polifusibile e il regolatore a bordo del Pi. Secondo le specifiche di Adafruit, il B + può gestire fino a 2A di corrente. Nel modello B, questo era più vicino a 1A a 1.2A che era insufficiente per alimentare un hub USB, a seconda del numero di dispositivi collegati.
  • Quindi, arrivano i tuoi dispositivi USB effettivi. L'utilizzo di energia varia molto a seconda di ciò che stai utilizzando. I consumi energetici di alcuni dispositivi comuni sono:
 Tastiere cablate  50 - 150 mA  Mouse cablati  Fino a 50 mA  Adattatori Wi-Fi  Da 100 a 250 mA  (può essere anche più variabile) Schede audio  Fino a 100 mA  Fotocamera Pi  250 mA  Arduino Uno  Da 30 mA a 500 mA  b> (Il limite superiore in questo caso è dovuto alle restrizioni USB 2.0) Arduino Mega  da 40 mA a 500 mA  (ha un polifusibile che impedisce un assorbimento di corrente maggiore quando alimentato tramite USB) Lettori RFID  20 mA e superiore  (questo può variare molto a seconda della tecnologia, degli standard attuali e delle impostazioni operative del dispositivo) 

Quindi, è necessario conoscere le caratteristiche di alimentazione di tutte le periferiche per stimare se hai bisogno di un hub alimentato o meno. Se l'ingresso di alimentazione / corrente è maggiore del requisito di alimentazione / corrente, non è necessario un hub alimentato.

  Ingresso corrente = Portata adattatore a muro (max 2 A per B +) Corrente richiesta = Somma delle necessità di corrente di tutti i dispositivi + 700 mA (Per il Pi stesso)  

Ho utilizzato corrente e alimentazione in modo intercambiabile in questo post poiché tutti i dispositivi USB funzionano a 5 V, che è uguale alla tensione di alimentazione.

Se conosci la potenza nominale del tuo dispositivo e non conosci la potenza attuale, puoi eseguire la conversione abbastanza facilmente.

  P = V * I  

Nel caso di dispositivi USB, V sarà 5V. Quindi, la valutazione corrente diventa:

  I = P / 5  

Nel tuo caso specifico, la mia stima sarebbe:

  Ingresso corrente = da 1 A a 1,2 A (se non hai acquistato un adattatore di classificazione superiore con B +) Corrente richiesta = Tastiera + Wifi + Uno + Mega + RFID + Pi = 100 + 100 + 200 + 200 + 20 + 700 (prendendo valori conservativi) = 1320 mA  

Quindi, avrai bisogno di un hub USB alimentato ( se il tuo alimentatore è classificato <1.2A ) .

Non sono del tutto sicuro delle valutazioni attuali del B +. Se qualcuno ha numeri precisi, aggiorna questo post insieme al tuo riferimento.
#2
+5
Some Random User
2014-07-27 05:18:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia opinione è che, sì, dovresti. Soprattutto perché stai alimentando un Arduino e un dongle WiFi.

Il motivo per cui alcune volte hai bisogno di un hub USB di alimentazione è perché lo stesso RPi non ha abbastanza energia per alimentare molti dispositivi ad alto amplificatore. Ho una webcam collegata alla mia con un dongle Bluetooth e senza il mio hub, il dongle non consente ai dispositivi di connettersi ad esso.

Il vantaggio di averne uno è che puoi essere sicuro che se lo hai un problema con i dispositivi, che non è un problema di alimentazione. (Ho letto su un forum, dove qualcuno ha licenziato la sua scheda a causa della corrente assorbita, ne dubito) Spesso, i dongle hanno bisogno di una certa corrente per funzionare correttamente o al meglio.

Ti consiglio di acquistarne uno , ma se tutto funziona e non hai problemi, allora bene. Ma quando alimenti cose che necessitano di più amplificatori con il tuo Arduino o hai deciso di utilizzare il GPIO, è bene avere l'Hub per mettere meno stress sull'RPi e che sia Consistente alimentato e affidabile .

#3
+3
user2813274
2014-07-27 22:34:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La specifica USB 2.0 consente a un dispositivo di richiedere fino a 500 mA su una porta USB 2.0 standard (sebbene molti consentano porte di "ricarica" ​​con una corrente più elevata).

Pi non può fornire 500mA nemmeno su una singola porta USB, tanto meno i 4 che ha, quindi è molto facile richiedere più potenza di quella che il Pi può fornire, ed è qui che entra in gioco un hub USB alimentato. Oltre a consentire al Pi di alimentare più dispositivi, gli hub USB emettono anche gli stessi 5v e la corrente elevata di cui il Pi ha bisogno per alimentarsi da solo, fornendo un modo conveniente per alimentare il Pi, il che li rende ancora più popolari.

Sì, è un peccato che il nuovo B + non abbia un power track dedicato che va alle porte USB con il vantaggio di utilizzare un alimentatore da 4A. Quindi l'USB funzionerebbe maledettamente correttamente.
Ottima risposta grazie, così ogni porta su un hub USB emette 5V 500ma ?? (USB 2.0)
@c_breeez dovrebbero essere in grado di farlo, tuttavia questo è un massimo, non un minimo, e non tutti i dispositivi possono supportarlo, ad esempio qualsiasi hub USB non alimentato non può supportarlo, poiché riceve solo un massimo di 500ma dal host e lo divide tra più porte
Ma in teoria uno alimentato dovrebbe supportare 5V 500ma per ogni porta? Quello che ho acquistato è alimentato ma ha un alimentatore 5V 2a e 7 porte. Sarà in grado di fornire costantemente 5 V 500 mA a ciascuno. Mi dispiace per le domande fastidiose, mi chiedevo solo se usare un alimentatore esterno sul mio arduino o semplicemente spegnerlo dall'hub
@c_breeez La potenza totale disponibile per l'hub è 2 A = 4x 500 mA + 500 mA (dall'host), quindi 2,5 A che è sufficiente per alimentare 5 porte - fortunatamente la maggior parte dei dispositivi non assorbe 500 mA completi, ma alcuni potrebbero averne bisogno, in cui caso il tuo hub non sarà in grado di supportarli su tutte le sue porte contemporaneamente.
Grazie fantastici per l'aiuto e la pazienza. Ottimo lavoro di spiegazione. Per host intendi il pc a cui è connesso l'hub? Nel mio caso rpi b +. Grazie ancora per il tuo tempo
@c_breeez - se i dispositivi collegati all'hub vengono utilizzati dal tuo Pi, allora il Pi è l'host, tuttavia il Pi è un host scadente che non può fornire 500mA sulle sue porte USB, quindi rilascia i numeri sopra di conseguenza - rilascia anche un altro 1A se il tuo pi è alimentato dall'hub USB, lasciandoti 1A di alimentazione per i tuoi dispositivi USB, il che è ancora sufficiente per la maggior parte delle cose, ma non tonnellate di cose come dischi rigidi portatili alimentati tramite USB
Grazie mille risposte brillanti. Ho chiarito molto per me, sto alimentando un sacco di cose di un hub, penso che potrei far funzionare i miei arduino di alimentatore CC per risparmiare energia per altre cose. Grazie
#4
+2
Milliways
2014-07-27 06:55:09 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A condizione che tu abbia un buon alimentatore, non ne hai bisogno con il B +.
Il precedente Pi Model B aveva una corrente limitata. È presente un polifusibile da ~ 1 A, il che significa che era disponibile solo la corrente di 1 A necessaria per Pi (~ 700 mA).

Il B + può fornire 600 mA (di più se riconfigurato).

Hanno rimosso i polyfus in [revisione 3] (http://www.raspberrypi.org/upcoming-board-revision/) ([elenco revisioni] (http://elinux.org/RPi_HardwareHistory#Board_Revision_History)) per consentire il backfeeding da un hub USB. A meno che tu non ti riferisca ad altri fusibili altrove?
@Bob i polifusibili USB potrebbero essere stati rimossi, ma non il polifusibile di alimentazione principale, che limita la corrente totale.
#5
+2
RPiAwesomeness
2014-07-27 08:31:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Per migliorare il post di alcuni utenti casuali:

Primo: sono 5 dispositivi. Un Pi, anche un B +, non può gestirne così tante - solo 4 porte. Andiamo avanti.

Il Model B Pi ha dei regolatori (come ha detto Milliways, ~ 1A polyfuse) che uccideranno il Pi per proteggere i circuiti se viene rilevato un picco di potenza.

Hot -collegamento (collegando un dispositivo USB mentre il dispositivo host è in funzione) provocherà un improvviso salto nella corrente richiesta, che spesso farà scattare questi regolatori. Tuttavia, quei regolatori controllano anche il flusso di potenza, facendo sì che non ci sia abbastanza potenza sia per far funzionare il Pi che per alimentare le porte USB.

Questo è un problema noto, almeno con il modello B. stai usando il modello B +, che ha un nuovo circuito di alimentazione che è molto più efficiente e fa risparmiare ~ .5A - 1A, quindi ora puoi fornire più potenza alle porte USB e far crollare il tuo Pi tramite sbalzi di tensione è molto meno problematico.

Tuttavia, poiché stai già collegando un Arduino e un Mega a quello (oltre a un tag RFID, sono d'accordo con Some Random User. Avrai bisogno del potenza extra un hub alimentato (alimentato è la chiave qui, altrimenti stai ancora attingendo dal Pi) l'hub può fornire se desideri eseguire 5 dispositivi.

I dispositivi potrebbero ancora corrono, ma probabilmente non otterranno tutta la potenza di cui hanno bisogno, quindi probabilmente finiranno per funzionare al di sotto della media, se non si bloccano nel modo giusto.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...